Il professionista può dedurre la locazione dell’immobile di proprietà di società immobiliare del coniuge?

Pubblicato il 16 dicembre 2016

non rappresenta un comportamento abusivo il caso di un professionista che, invece di acquistare l’immobile da utilizzare per la sede dello studio, lo intesta alla società immobiliare partecipata al 99% dal coniuge, che a sua volta addebita mensilmente al professionista il canone di locazione

monopoli-newNon rappresenta un comportamento abusivo il caso di un professionista che, invece di acquistare l’immobile da utilizzare per la sede dello studio, lo intesta alla società partecipata al 99% dal coniuge, che a sua volta addebita mensilmente all’esercente arte e professione il canone di locazione.

La soluzione è stata fornita dalla Commissione Tributaria Provinciale di Alessandria con la sentenza n. 386/1/16, che ha esaminato la contestazione mossa da un locale ufficio dell’Agenzia delle entrate nei confronti di un notaio.

Probabilmente ha assunto rilievo decisivo la circostanza che il notaio sia stato in grado di dimostrare l’operatività della società, che non ha agito come un mero soggetto