Il MUI – modello unico informatico per la trascrizione delle volture nei registri immobiliari

di Maria Benedetto

Pubblicato il 14 maggio 2016

i professionisti che lavorano alle pratiche di trasferimento immobiliare e trascrizione degli atti nei registri (tra cui i commercialisti quando sono pubblici ufficiali in una procedura esecutiva) devono utilizzare il nuovo sistema MUI: attenzione perchè il professionista che trascrive l'atto è responsabile per l'autoliquidazione delle imposte dovute sull'atto

domanda-ctCon Provvedimento del 17 Marzo 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 73 del 29 Marzo, l’Agenzia delle Entrate ha approvato le nuove specifiche tecniche per gli adempimenti in materia di registrazione, di trascrizione, iscrizione e annotazione nei registri immobiliari e di voltura catastale, nonchè per la trasmissione telematica dei titoli da presentare al conservatore dei registri immobiliari.

L’invio del Modello Unico Informatico può essere predisposto tramite il software Unimod disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.it e avviene tramite il canale telematico dell’Ufficio del Territorio dell’Agenzia delle Entrate (SISTER).

Con l’Adempimento Unico il Pubblico Ufficiale è l’unico responsabile, con l’autoliquidazione, della determinazione dell’imposta applicabili all’atto. Gli uffici dell’Amministrazione Finanziaria controllano la regolarità dell’autoliquidazione e del versamento dell’imposta.

Premessa

Con Provvedimento del 17 Marzo 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 73 del 29 Marzo, l’Agenzia delle Entrate ha approvato le nuove specifiche tecniche per gli adempimenti in materia di registrazione, di trascrizione, iscrizione e annotazione nei registri immobiliari e di voltura catastale, nonchè per la trasmissione telematica dei titoli da presentare al conservatore dei registri immobiliari.

L’aggiornamento delle specifiche tecniche del Modello Unico Telematico accoglie nuove informazioni utili alla registrazione e/o alla trascrizione e/o alla voltura in base alle circolari emanate nel frattempo. Sono state inoltre apportate delle ottimizzazioni utili alla corretta gestione di alcune tipologie di formalità o per implementare l’attuale livello di automazione; sono state eliminate informazioni non più utilizzate.

E’ stato inserito un nuovo elemento Istanza Voltura che accoglie gli elementi necessari per l’aggiornamento dell’intestazione catastale.

Vengono recepiti in via definitiva i nuovi codici atto per la trascrizione previsti dalla Circolare 24/E del 17 giugno 2015; viene introdotta la possibilità di compensare anche i pagamenti integrativi; i campi comuni sono trasformati da descrizione (ROMA) a codice comune (H501).

Si prevede che in futuro l’adempimento unico possa veicolare anche le istanze catastali e le volture derivanti da dichiarazione di successione.

L’invio del Modello Unico Informatico, da parte dei notai, può essere predisposto tramite il software Unimod disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.it e avviene tramite il canale tele