La fattura generica mette a rischio la deduzione del costo e dell’IVA: ad esempio “prestazioni di consulenza” comporta un’inversione dell’onere della prova

Pubblicato il 15 dicembre 2015

la fattura come documento fiscale e contabile prevede dei contenuti minimi obbligatori: in caso di descrizione troppo generica il Fisco può ritenere che il documento sia indetraibile a fini fiscali per il cessionario, o addirittura falso

In prossimità della fine dell’anno 2015 le imprese iniziano ad effettuare le prime valutazioni sull’andamento dell’esercizio. Le verifiche riguardano anche la stima delle imposte in quanto gli oneri tributari rappresentano una variabile rilevante in sede di redazione dei bilanci. I contribuenti devono prepararsi a sostenere il pagamento delle imposte il 16 giugno anche accantonando, se possibile, la liquidità necessaria.

Al 31 dicembre le imprese dovranno effettuare le scritture contabili di assestamento rilevando ratei e risconti ed anche le fatture da emettere e da ricevere a fronte di ricavi e costi maturati nell’esercizio. L’Agenzia delle entrate valuta sempre con particolare sospetto le fatture emesse al termine dell’anno o durante i primi giorni dell’esercizio successivo (con competenza nell’anno precedente), ciò in quanto l’emissione di questi documenti in questo periodo sono in alcuni casi utilizzati per “aggiustare” il risultato del periodo di imposta. E’ du