Nuovi contribuenti forfettari che non sono sostituti d’imposta: una semplificazione con luci e ombre

di Luca Bianchi

Pubblicato il 7 ottobre 2015

i contribuenti che aderiscono al nuovo regime forfettario non sono sostituti d'imposta, pertanto non sono obbligati ne al versamento della ritenuta d'acconto per compensi erogati a loro fornitori ne alla compilazione del mdello 770

 

Anche se molti contribuenti hanno preferito il più conveniente regime dei minimi, dal 2015 il regime naturale è quello previsto dai commi da 54 a 89 della Legge di stabilità per il 2015, definito "nuovo regime dei minimi" o "regime forfettario", che interessa i contribuenti di minori dimensioni.

Tra le semplificazioni riconosciute ai "nuovi minimi" vi è quella che prevede che tali contribuenti non assumono la qualifica di sostituto d'imposta: in pratica oltre a non subire ritenute fiscali d'acconto sulle fatture emesse, essi non devono a loro volta trattenere alcuna somma sui compensi  corrisposti,  a qualsiasi titolo.

L'agevolazione intende sgravare il contribuente da alcuni adempimenti che invece pesano sul "vecchio regime d