Il bilancio di esercizio cambia forma dal 2016: le novità in sintesi

Il D.Lgs. n. 139/2015 ha apportato modifiche alle voci contenute negli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico con l’introduzione del principio di rilevanza tra i principi di redazione del bilancio e l’introduzione del Rendiconto Finanziario quale parte inscindibile del bilancio di esercizio.
Più precisamente, nello stato patrimoniale dovrebbe essere richiesto un maggior dettaglio in merito ai rapporti con le imprese sottoposte al controllo della controllante, mentre è prevista l’eliminazione dei conti d’ordine.
Non saranno inoltre più capitalizzabili le spese di pubblicità e quelle di ricerca, mentre potranno continuare ad essere ammortizzati i costi di impianto e di ampliamento e quelli di sviluppo.
Con riferimento, invece, al conto economico, dovrebbero trovare nuovo spazio le informazioni relative agli strumenti derivati, mentre, dall’altro lato, è prevista l’eliminazione delle voci relative alla sezione straordinaria.

Premessa
Con il D. Lgs. 18/8/2015 n. 139 è stata recepita nel nostro ordinamento giuridico la direttiva 2013/34/UE, conseguentemente sono stati modificati alcuni articoli del codice civile e altri sono stati introdotti di nuovi ex novo. La principale novità riguarda la redazione di tre di diverse tipologie di bilancio, con obblighi informativi graduati a seconda delle dimensioni aziendali.
Particolarmente significative sono anche le modifiche alle voci contenute negli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico (art. 2424 c.c. e art 2425 c.c.), l’introduzione del principio di rilevanza tra i principi di redazione del bilancio (art. 2423 c.c.), l’introduzione del Rendiconto Finanziario quale parte inscindibile del bilancio d’esercizio (nuovo art. 2425–ter c.c.).
Dal 2016 i bilanci cambiano forma: le novità in sintesi
Dal 2016 i Bilanci delle società cambieranno forma. La Direttiva 2013/34/UE, del parlamento europeo e del consiglio del 26 giugno 2013, ha abrogato le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE meglio note come 4° e 7° Direttiva. In particolare il D.lgs n.127, assunse nel 1991, a pieno titolo, la qualifica di “riforma del Bilancio”, recependo in quell’anno la prima delle Direttive CEE (la 4′) ed innovando, in modo significativo, il corpo normativo del codice civile (art. 2423 e ss.). Adesso siamo in attesa di una nuova riforma sui Bilanci che ha preso vita con la Direttiva 34/2013, da recepirsi entro il 20 luglio 2015, per i Bilanci da redigere già a partire dall’esercizio 2016.
Di conseguenza, per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, le nuove regole trovano applicazione a decorrere dal bilancio relativo all’esercizio 2016, ma è chiaro che, ai fini comparativi, anche il bilancio 2015 dovrà essere adeguato alle nuove prescrizioni.
Le novità più importanti, elencate agli artt. 6 e 7 del D.Lgs. 139/2015, riguardano i seguenti argomenti.
 

I principi di redazione del bilancio

con la modifica agli artt. 2423 e 2423-bis c.c. viene introdotta da un lato la possibilità di non rispettare gli obblighi previsti in tema di rilevazione, valutazione, presentazione e informativa di bilancio, laddove gli effetti della loro inosservanza siano irrilevanti ai fini della rappresentazione veritiera e corretta (sempre in presenza di una tenuta regolare delle scritture contabili) e dall’altro viene eliminato il riferimento alla funzione economica dell’elemento dell’attivo e del passivo a favore della sostanza dell’operazione e del contratto.

Gli schemi di bilancio:

con la modifica agli artt. 2424 e 2425 c.c. sono apportate una serie di novità allo stato patrimoniale e al conto economico. Per quanto riguarda lo schema di stato patrimoniale:

le azioni proprie non vanno più …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it