La ONLUS può svolgere l’attività di consultorio a pagamento

di Anna Maria Pia Chionna

Pubblicato il 4 febbraio 2015

se la Onlus esercita attività di consultorio, può svolgere una parte di tale attività a fronte di un pagamento dell'utente senza perdere la qualifica di organizzazione non lucrativa

Con la risoluzione n. 10/E del 22 gennaio 2015 l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un interpello ex art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 (Statuto del contribuente) concernente l’interpretazione dell’articolo 10 del D.lgs. n. 460 del 1997. Tale decreto ha riordinato la disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale. In particolare l’art. 10ha identificato le O.N.L.U.S., che non sono un’altra tipologia giuridica di diritto civile di organizzazione non profit, ma una categoria del diritto tributario in cui rientrano tutte le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e gli altri enti di carattere privato, con o senza personalità giuridica, che perseguano esclus