Sponsorizzazioni deducibili solo se 'indirizzate' a clienti potenziali

Le sponsorizzazioni dei rally così come delle squadre sportive sono molto diffuse, ma non sempre le relative spese sono deducibili per lo sponsor. Una recente sentenza della Cassazione, unitamente ad una panoramica dei più importanti arresti giurisprudenziali, consente di fare il punto della situazione sulla fattispecie in oggetto.
       Con la sentenza 25100 del 26 novembre 2014, la Cassazione è tornata ad occuparsi, tra l’altro, della deducibilità delle spese di sponsorizzazione, ribadendo un concetto che dovrebbe ormai ritenersi definitivamente acquisito, ovvero che ai fini della deducibilità di tali spese è sempre necessario che i destinatari del messaggio pubblicitario siano potenziali acquirenti dei beni o servizi realizzati dallo sponsor.
Prendendo le mosse dalla giurisprudenza pregressa, occorre ricordare che, secondo l’ormai consolidato indirizzo della Cassazione, costituiscono spese di rappresentanza quelle affrontate per iniziative volte ad accrescere il prestigio e l’immagine dell’impresa ed a potenziarne le possibilità di sviluppo, mentre vanno qualificate come spese pubblicitarie o di propaganda quelle erogate per la realizzazione di iniziative tendenti, prevalentemente anche se non esclusivamente, alla pubblicizzazione di prodotti, marchi e servizi, o comunque dell’attività svolta. Pertanto, sono da considerarsi spese di rappresentanza quelle effettuate senza che vi sia una diretta aspettativa di ritorno commerciale, mentre costituiscono spese di pubblicità o propaganda quelle sostenute per ottenere un incremento, più o meno immediato, della vendita di quanto realizzato nei vari cicli produttivi ed in certi contesti, anche temporali. Il criterio discretivo va, dunque, individuato nella diversità, anche strategica, degli obiettivi che, per le spese di rappresentanza, può farsi coincidere con la crescita d’immagine ed il maggior prestigio nonché con il potenziamento delle possibilità di sviluppo della società; laddove, per le spese di pubblicità o propaganda, di regola, consiste in una diretta finalità promozionale e di incremento commerciale, normalmente, concernente la produzione realizzata in un determinato contesto (ex pluris, Cass. 3433/2012, 8679/2011, 21270/2008, 17602/2008, 9567/2007).
Con la recente sentenza 14252/2014, la Suprema Corte ha esaminato un caso analogo a quello della pronuncia in commento, giungendo alla conclusione che il contribuente non aveva dimostrato in alcun modo l’esistenza di un nesso diretto tra l’attività sponsorizzata e l’attesa di un ritorno commerciale e, quindi, le relative spese non potevano assumere la qualifica di pubblicità, dovendosi invece considerare spese di rappresentanza.
Del resto, già in passato gli Ermellini avevano deciso in tal senso, esaminando un caso simile. Con la pronuncia 3433/2012 già richiamata, infatti, i Giudici del Palazzaccio avevano stabilito che la contribuente non aveva fornito alcuna dimostrazione di quale concreto ritorno economico si potesse attendere dalla sponsorizzazione di un pilota da corsa, atteso il diverso settore in cui operava la società, ovvero quello dell’impiantistica per imballaggi. Secondo la Cassazione, non vi era alcun nesso tra l’attività sponsorizzata e quella posta in essere dalla società e, quindi, quelle in contestazione non potevano considerarsi spese di pubblicità integralmente deducibili, ma dovevano ritenersi spese di rappresentanza soggette ai limiti di deducibilità previsti dalla normativa sopra richiamata.
L’arresto giurisprudenziale in commento, Cass. 25100/2014, conferma i principi già affermati dagli Ermellini e sopra riportati. Dai fatti di causa emerge che un contribuente aveva sponsorizzato, in forza di apposito …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it