Errore nel deposito del bilancio presso il Registro Imprese: possibili soluzioni?

di Roberto Mazzanti

Pubblicato il 14 novembre 2014



se il bilancio depositato presso il Registro Imprese presenta un errore materiale quale può essere la soluzione più efficace e conveniente per correggere tale errore?

Quesito:

Gentilissimo Rag. Roberto Mazzanti, avrei bisogno di un suo autorevole parere.

Per una Srl nell'inviare la pratica al Registro delle Imprese è stato allegato un   verbale di assemblea di approvazione del bilancio al 31/12/2013 errato nell'indicazione dell'importo degli utili emergenti da bilancio stesso e che sono stati destinati a nuovo (l'importo risulta maggiorato di € 232,00), la formula usata è stata "delibera di approvare il bilancio con le relative relazioni e di destinare l'utile d'esercizio di ? .....per ?...al fondo riserva legale e per ? .... a nuovo”.

Si precisa, altresì, che il Registro delle Imprese ha già evaso la pratica.

Naturalmente il verbale stampato sul registro è quello corretto.

Si chiede se è necessario provvedere alla rettifica del bilancio presso il Registro delle Imprese con un nuovo invio e richiamando il protocollo di invio del precedente, dichiarando nelle note la rettifica effettuata.



Risposta:

la situazione dunque sarebbe la seguente:

-nei libri sociali tutto è corretto

-il prospetto contabile e la Nota integrativa al Bilancio, depositati al Registro Imprese, sono corretti

-solo il verbale di approvazione del Bilancio è inesatto.


Il caso non è risolvibile mediante un’analisi del diritto societario o dei Manuali per il deposito dei bilanci, che periodicamente le camere di commercio pubblicano sui loro siti.

Da quanto emerge dal quesito, l’errore è abbastanza palese; basterebbe confrontare l’utile d’esercizio che viene evidenziato dal prospetto contabile e confrontarlo con quanto riportato nel verbale, per individuarlo agevolmente.


Non si tratta perciò di un errore di diritto (ho fatto un bilancio in modalità abbreviata quando non avrei potuto; ho omesso di prendere provvedimenti per una perdita d’esercizio tale che mi azzera il capitale…) ma di un evidente errore materiale.

 

A mio parere, previo accordo con il funzionario camerale addetto, sarebbe il caso di provvedere alla sostituzione dell’esemplare di verbale depositato con uno nuovo e corretto. Magari, facendosi riaprire la pratica con la procedura della correzione e chiudendola con quella del “reinvio”.

 

Temo che diversamente occorrerebbe inviare una nuova pratica ed annullare la precedente e questo avrebbe un costo considerevolmente più elevato, anche se non vedo il rischio che questo possa costituire un fatto tale da ritenere tardivo il deposito del bilancio.

Ove non dovesse essere praticabile (ma no credo) nessuna delle vie suggerite, io lascerei tutto com’è; perché:

  1. Non viene leso alcun diritto dei soci, i quali dispongono comunque di un dato esatto

  2. Ai terzi che dovessero chiedere l’esibizione del bilancio depositato si potrà sempre far presente il piccolo inconveniente

  3. Il bilancio approvato è esatto nella sua reale consistenza

 

Per cui non mi preoccuperei eccessivamente.

Farei comunque un tentativo per correggere quanto depositato in camera di commercio e sono convinto che non sarà impossibile.



14.11.2014

Roberto Mazzanti