Il problema della motivazione per relationem della sentenza

Con la sentenza n. 19755 del 19 settembre 2014 (ud. 23 giugno 2014) la Corte di Cassazione affronta la questione relativa alla sentenza motivata per relationem, fissando dei precisi criteri.

Il caso

La CTR ha ritenuto di poter assolvere l’obbligo motivazionale della sentenza limitandosi “ad affermare di condividere la motivazione di primo grado senza illustrare le ragioni del rigetto dello specifico motivo di impugnazione proposto dall’appellante“.

La sentenza della Suprema Corte

Per i massimi giudici, quella adottata dal giudice di appello, che dichiara di volersi riportare “alle puntuali, precise, ed esaustive considerazioni fatte dal giudice di primo grado” costituisce “un esempio scolastico di motivazione per relationem, che com’è noto, secondo il consolidato insegnamento di questa Corte, non è drasticamente inibita al giudice di secondo grado a condizione però che, ‘facendo proprie le argomentazioni del primo giudice, esprima, sia pure in modo sintetico, le ragioni della conferma della pronuncia in relazione ai motivi di impugnazione proposti, in modo che il percorso argomentativo desumibile attraverso la parte motiva delle due sentenze risulti appagante e corretto’ (10943/14; 21566/13; 766/13)”.

Per la Suprema Corte, “la legittimità della motivazione per relationem mediante rinvio alle ragioni di diritto rinvenibili nel corpo motivazionale di un distinto atto espressamente richiamato nella sentenza, che può essere rappresentato tanto dalla decisione di prime cure nel caso in cui alla motivazione per relationem ricorra la sentenza di appello quanto più in generale dagli atti del procedimento (verbale istruttorio, consulenza dell’ausiliario, documenti del giudizio) (Cass. 12664/12), che divengono in quanto tali ‘parte integrante dell’atto rinviante’ (Cass. 3367/11), è perciò soggetta alla condizione che ‘il rinvio venga operato in modo tale da rendere possibile ed agevole il controllo della motivazione, essendo necessario che si dia conto delle argomentazioni delle parti e dell’identità di tali argomentazioni con quelle esaminate nella pronuncia oggetto del rinvio’ (Cass. 7347/12) e che dall’integrazioni tra i due corpi motivazionali risulti l’esplicitazione dell’itinerario argomentativo … che deve dare conto dell’esame critico delle questioni già risolte nell’atto richiamato e della idoneità delle stesse a fornire la soluzione anche alle questioni che devono essere decise (Cass. 12664/13)”.

Nel caso di specie, “la CTR, limitandosi a manifestare la propria condivisione della sentenza di primo grado e dichiarando di volersi uniformare ad essa, si è invece astenuta dall’assolvere doverosamente all’obbligo di motivazione impostole dal gravame, in particolare omettendo la considerazione delle ragioni difensive fatte valere dall’impugnante, che, pur se lacunosamente riportate in fatto, non sono state tuttavia fatte oggetto di una compiuta disamina e tanto meno hanno formato oggetto di un giudizio critico. E ciò perchè, con più diretto riferimento al motivo di censura, è mancato qualsivoglia richiamo alle ragioni che avevano indotto il primo giudice a respingere il ricorso, non potendo perciò giudicarsi ‘appagante e corretto’ sotto il profilo motivazionale il percorso argomentativo che, come nella sentenza qui gravata, non faccia seguire all’affermazione che la ‘Commissione Tributaria Regionale di Milano si riporta alle puntali, precise ed esaustive considerazioni fatte dal Giudice di primo grado che fa proprie’, l’esposizione anche in forma sintetica delle ragioni ‘puntuali, precise ed esaustive’ addotte dal primo giudice per motivare il proprio rigetto”.

Brevi considerazioni

In ordine alla legittimità o meno delle sentenze motivate per relationem, ricordiamo che con la sentenza n. 14814 del 19 febbraio 2008 (dep. il 4 giugno 2008) la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha risolto la questione, che aveva già visto precedenti e difformi pronunciamenti, affermando che la motivazione di una sentenza può essere…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it