Il ricorso d'appello è inammissibile se i motivi sono generici

Il FATTO E LA DECISIONE DELLA CTR DELLA TOSCANA

Se il ricorrente si limita a ricostruire i fatti di causa, senza però muovere all’avviso alcuna effettiva contestazione, il ricorso sarà inammissibile.

A sancirlo è la CTR della Toscana con la sentenza n. 697/30/14 depositata il 31.03.2014, la quale afferma espressamente che in presenza solo di “generica doglianza” e senza “elementi specifici di contestazione”, mancando i motivi del ricorrere l’atto introduttivo del giudizio è da considerarsi inammissibile.

L’assenza infatti di motivi, effettivi, di impugnazione viola il chiaro disposto delle norme ed in particolare dell’art. 18 del Dlgs 546/92.

Come infatti riconosciuto in via pacifica dalla Corte Suprema “il ricorso introduttivo del contribuente deve contenere l’indicazione degli specifici motivi di fatto e di diritto sulla base dei quali si chiede l’annullamento del provvedimento impugnato. La mancanza, ovvero la genericità, dei motivi … non è suscettibile di essere sanata” (vedi anche Cass. sent. n. 20652 del 25 ottobre 2004).

Naturalmente (e logicamente) affinché una sentenza possa contenere i motivi in fatto e in diritto relativi allo specifico processo in discussione, secondo il principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato di cui all’art. 112 c.p.c., questi devono peraltro essere contenuti nel ricorso introduttivo, pena, ai sensi dell’art. 18 del Dlgs 546/92, la evidente inammissibilità dello stesso ricorso.

L’ORIENTAMENTO CONSOLIDATO DELLE COMISSIONI DI MERITO E LA RATIO DELLA CENSURA

La sentenza della CTR sopra citata conferma, del resto, un orientamento già presente presso la Commissione di secondo grado della Toscana.

Già infatti con la sentenza n. 8/24/12, depositata in data 15.02.2012, la Commissione Tributaria Regionale della Toscana aveva dichiarato l’inammissibilità dell’appello di un contribuente.

Anche in quel caso, come in quello della sentenza in commento, la Commissione Tributaria Provinciale di Firenze aveva respinto in toto, nel merito, i ricorsi del contribuente, il quale aveva poi presentato appello, omettendo però di censurare la sentenza e limitandosi a ripetere quanto già (non) detto con i ricorsi introduttivi del giudizio.

L’Ufficio, allora come poi, aveva dunque eccepito che l’appello era senza dubbio carente di alcuni elementi essenziali ed in particolare delle specifiche censure alla sentenza impugnata; eventualità espressamente sanzionata dall’art. 53 D.Lgs. 546/92 come causa di inammissibilità dell’appello medesimo.

L’appello, infatti, appariva privo dell’elemento essenziale di validità rappresentato dalla specificità dei motivi di impugnazione, anche considerato che l’appellante concludeva per una generica richiesta di riforma della sentenza, senza però argomentare in alcun modo le ragioni che avrebbero dovuto indurre a sostenere un giudizio di secondo grado e a riformare la stessa sentenza.

L’indicazione degli specifici motivi di impugnazione, sia in primo che in secondo grado, quindi, costituisce un requisito essenziale dell’atto processuale, a pena di inammissibilità dello stesso.

In tal senso l’Ufficio richiamava, del resto, anche quanto stabilito dalla Cassazione civile – sez. tributaria – nella sentenza n. 13012 del 23/10/2001, laddove la Corte evidenzia che “è inammissibile il gravame alla commissione tributaria regionale se l’atto di appello contiene una generica doglianza circa la sentenza di primo grado o, peggio ancora, una pedissequa riproduzione delle precedenti difese, senza una specifica indicazione dei motivi” (la decisione della Suprema Corte si inserisce peraltro in una lunga serie di precedenti giurisprudenziali: per tutte vedi le sentenze n. 9628 del 1993, n. 3809 del 1994, n. 6066 del 1995, n. 1599 del 1997, n. 3805 del 1998, n. 464 del 1999, n. 3539 del 2000, n. 5493 del 2001).

Ancor più evidente sarà l’inammissibilità, laddove, la genericità dei motivi di ricorso, già motivo di censura in primo grado, si riverberi anche in secondo grado,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it