La compensazione dei crediti verso la Pubblica Amministrazione con debiti da accertamento

Il perdurante stato di crisi finanziaria che interessa le imprese richiede oggi strumenti capaci di introdurre come per qualunque altro rapporto creditizio, forme di compensazione tra crediti e debiti verso la P.A.  L’art. 12, co. 7-bis del D.L. 23/12/2013 n. 145, convertito in L. 21/02/2014 n. 9, consente di effettuare una compensazione tra crediti certificati verso la P.A. attraverso l’apposita piattaforma informatica e debiti per imposte, sanzioni ed accessori, sorti in relazione ad istituti definitori e deflativi del debito da accertamento ai sensi dell’art. 28-quinques D.P.R. N. 602/1973, introdotto dall’art. 9, co. 1 del D.L. 08/04/2013 n. 35, convertito dalla L. 06/06/2013 n. 64.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it