La correzione degli errori contabili in bilancio

il rischio di commettere un errore contabile esiste sempre, il problema arriva in fase di correzione, in quanto le norme civilistiche divergono in modo sostanziale da quelle fiscali, complicando la gestione contabile della correzione di un errore

Il principio contabile OIC 29, attualmente in fase di revisione, regolamenta il tema del cambiamento di stime e della correzione di errori contabili, fornendo delle soluzioni comprensibili e facilmente praticabili. L’Agenzia delle Entrate, per altro verso con la C.M. 24/09/2013 n. 31/E, ha espresso un differente orientamento in ordine alle modalità di effettuazione delle predette correzioni, formulando un iter di non praticissima applicazione, che finirà per incrementare i casi di discrasia tra trattamento contabile civilistico e modus operandi fiscale.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it