Aumento di capitale gratuito: gli obblighi dei sindaci

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 26 novembre 2013

in caso di aumento gratuito del capitale sociale, spetta ai sindaci verificare che le azioni o quote in precedenza emesse siano state integralmente liberate dai soci

Come noto, si ha un aumento di capitale gratuito quando delle risorse già presenti nel patrimonio dell’impresa vengono consolidate e imputate al capitale: in tale circostanza, si verifica una permutazione di altre poste ideali del patrimonio netto quali, ad esempio, le riserve disponibili. Le motivazioni alla base di un aumento gratuito di capitale sociale sono numerose.

Nella prassi aziendalistica, l’operazione in parola può essere utile per rafforzare il prestigio e, soprattutto, il credito della società, stante l’assoggettamento ai vincoli propri del capitale sociale, di riserve e fondi speciali, iscritti in bilancio, di norma disponibili per la distribuzione ai soci. In particolari circostanze, l’aumento gratuito di capitale si rende necessario per raggiungere l’ammontare di capitale sociale minimo richiesto per poter svolgere talune attività, soprattutto in ambito bancario o assicurativo.

L’operazione in parola si concretizza mediante il passaggio a capitale delle riserve o dei fondi disponibili: dette poste (che prima de