Le linee guida per i contributi alle associazioni di promozione sociale

il Ministero del Lavoro ha emanato le linee guida per i contributi da erogare alle associazioni di promozione sociale per l’anno 2013: ecco un riassunto delle istruzioni ministeriali

L’articolo 12 della legge 7 dicembre 2000, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale) prevede, al comma 3, due forme di contribuzione a favore di tali associazioni:

  • sostegno delle iniziative di formazione e di aggiornamento per lo svolgimento delle attività associative nonché di progetti di informatizzazione e di banche dati nei settori disciplinati dalla presente legge (cfr. in particolare la lettera d);

  • approvazione di progetti sperimentali elaborati, anche in collaborazione con gli enti locali, dalle associazioni iscritte nei registri di cui all’articolo 7 per fare fronte a particolari emergenze sociali e per favorire l’applicazione di metodologie di intervento particolarmente avanzate.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato le Linee Guida per l’erogazione di tali contributi a valere sull’esercizio finanziario 2013.

Possono richiedere il contributo le associazioni di promozione sociale singolarmente o in forma di partenariato tra loro aventi i seguenti requisiti:

  • soggettivo, cioè essere iscritte nei registri nazionali, regionali o provinciali;

  • oggettivo, gli interventi devono ricadere in uno solo di questi ambiti:

    • promozione dei diritti e delle opportunità per favorire la piena inclusione sociale delle persone con disabilità; 

    • tutela e promozione dell’infanzia e dell’adolescenza, con particolare attenzione ai progetti volti alla valorizzazione delle diversità fra i giovani;

    • sostegno a progetti volti a favorire le pari opportunità e la prevenzione di ogni forma di discriminazione; 

    • interventi per favorire la partecipazione delle persone anziane alla vita della comunità e per garantire loro la dignità e la qualità della vita se in condizione di non autosufficienza;

    • sostegno per favorire l’inclusione sociale dei cittadini migranti di prima e seconda generazione;

    • sostegno a progetti volti a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di soggetti, in particolare giovani e over 50, che si trovano in condizioni di disagio sociale o che appartengono a categorie svantaggiate.

Il costo complessivo per la realizzazione di ciascuna/o iniziativa/progetto:

  • non deve superare i 150.000 euro per le iniziative di cui alla letera. d e 200.000 euro per i progetti di cui alla lettera f;

  • non deve superare il 100% delle entrate iscritte nell’ultimo bilancio consuntivo dell’associazione approvato conformemente a quanto previsto dallo statuto,

  • è posto parzialmente a carico dell’Associazione proponente/gruppo di associazioni proponenti (20 % del costo complessivo dello stesso).

 

In particolare per le iniziative di cui alla citata lettera d:

  • i costi per progettazione e redazione dell’iniziativa non devono superare l’8% del costo complessivo;

  • le spese per attrezzature, materiale didattico e di consumo non deve  superare il 35% del costo complessivo;

  • i costi per il personale interno non devono superare il 40% del costo complessivo;

  • i costi per le spese di viaggio, vitto ed alloggio devono essere contenuti entro l’importo massimo del 25% del costo complessivo.

 

In particolare per le iniziative di cui alla citata lettera d:

  • i costi di progettazione e redazione del progetto non devono superare l’8% del costo complessivo; 

  • le spese per attrezzature, materiale didattico e di consumo non devono essere superare il 25% del costo complessivo;

  • i costi relativi al personale interno non devono superare il 35% del costo complessivo;

  • i costi per le spese di viaggio, vitto ed alloggio devono essere contenuti entro l’importo massimo del 25% del costo complessivo.

Non sono ammessi a rimborso:

  • gli oneri relativi ad attività promozionali dell’organizzazione proponente non direttamente connessi all’iniziativa/progetto per cui si chiede il contributo;  

  • gli oneri relativi  a riviste, periodici e pubblicazioni di carattere istituzionale e non strettamente attinenti le attività finanziate;  

  • gli oneri connessi alla ristrutturazione o all’acquisto di immobili e loro pertinenze;

  • gli oneri connessi all’acquisto e al noleggio di autoveicoli e autovetture e macchinari industriali e/o agricoli. Il noleggio può essere autorizzato solo se strettamente funzionale e finalizzato alle attività da svolgere; 

  • gli oneri connessi all’organizzazione e/o partecipazione ad  appuntamenti istituzionali  delle organizzazioni proponenti (congresso nazionale, regionale o provinciale; seminari e convegni; raduni…); 

  • gli oneri relativi a seminari e convegni non ricompresi nei formulari approvati dall’amministrazione e pertanto non finanziati nell’ambito dell’iniziativa/progetto;  

  • ogni altra tipologia di spesa non strettamente finalizzata alla  realizzazione dell’iniziativa/progetto.

Le associazioni di promozione sociale interessate devono presentare la domanda esclusivamente on-line sulla piattaforma informatica www.direttiva383.it  a partire da venerdì 25 ottobre e fino alle ore 12.00 del 19 novembre 2013, indicando l’area di intervento (d o f) e il titolo dell’iniziativa/progetto.

Alla domanda devono essere allegati:

  • fotocopia del documento di identità del legale rappresentante dell’Associazione,

  • formulario di presentazione del progetto,

  • piano economico.

 

Il contributo sarà erogato in due fasi:

  1. una prima quota, non superiore all’80% del contributo concesso, sarà versata previa presentazione di apposita garanzia fideiussoria, su richiesta del beneficiario contestuale o successiva alla comunicazione di avvio delle attività progettuali;

  2. il saldo sarà erogato al termine della realizzazione dell’iniziativa/progetto, a seguito dell’esito positivo del controllo amministrativo‐contabile svolto dai competenti Uffici del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Durante lo svolgimento dell’iniziativa/progetto l’Associazione:

  1. deve dotarsi di una contabilità separata dedicata all’attività progettuale, ovvero di un’adeguata rappresentazione contabile dei costi relativi all’iniziativa/progetto;

  2. deve custodire i documenti giustificativi dei costi reali sostenuti e/o impegnati.

Entro 15 giorni dalla data di conclusione dell’iniziativa/progetto devono essere pubblicati sul sito istituzionale e inviati, in duplice copia cartacea, al Ministero del Lavoro i seguenti documenti:

  • rapporto conclusivo (o relazione finale) descrittivo delle attività poste in essere, da compilare secondo l’apposito modello pubblicato sul sito (MODELLO RELAZIONE DESCRITTIVA);

  • prospetto riepilogativo della relazione finale (MODELLO B);

  • prospetto di rendicontazione (MODELLO C);

  • elenco analitico dei documenti giustificativi dei costi reali sostenuti e/o impegnati (MODELLO D) redatto conformemente al piano finanziario approvato.

 

26 ottobre 2013

Anna Maria Pia Chionna

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it