Diniego rimborso IVA: i presupposti per detraibilità del credito

 

Ha diritto al rimborso dell’IVA versata in eccedenza, la società che resta in vita, con l’unico obiettivo di vincere il giudizio intentato contro l’Agenzia delle Entrate, in quanto le norme antielusive in materia di società di comodo non si applicano né alle società formalmente in liquidazione né a quelle che rimangono operative, per perseguire una sola operazione. Tuttavia, il credito IVA per il quale non è stato accordato il rimborso, per difetto dei presupposti di cui all’art. 30 del d. P. R. 26 ottobre 1972, n. 633, può essere portato in detrazione, “in sede di liquidazione periodica, ovvero nella dichiarazione annuale”, solo se contestualmente al diniego, l’Amministrazione Finanziaria provvede all’indicazione del credito spettante al contribuente. Lo ha chiarito la Suprema Corte di Cassazione – Sezione Tributaria Civile, con la sentenza 11368 del 6 luglio 2012.

 
La sentenza
Ha diritto al rimborso dell’IVA versata in eccedenza, la società che resta in vita, con l’unico obiettivo di vincere il giudizio intentato contro l’Agenzia delle Entrate, in quanto le norme antielusive in materia di società di comodo, non si applicano né alle società formalmente in liquidazione né a quelle che restano operative, per perseguire una sola operazione. Tuttavia, il credito IVA per il quale non è stato accordato il rimborso, per difetto dei presupposti di cui all’art. 30 del d. P. R. 26 ottobre 1972, n. 633, può essere portato in detrazione, “in sede di liquidazione periodica, ovvero nella dichiarazione annuale”, solo se contestualmente al diniego, l’Amministrazione Finanziaria provvede all’indicazione del credito spettante al contribuente.
Lo ha chiarito la Suprema Corte di Cassazione – Sezione Tributaria Civile, con la sentenza 11368 del 6 luglio 2012.
 
Il caso
In sostanza, la pronuncia in parola ha posto fine al giudizio introdotto dalla contribuente, una società in accomandita semplice esercente attività di compravendita immobiliare, che aveva impugnato il diniego opposto dall’Amministrazione Finanziaria, in relazione a un’istanza di rimborso IVA.
Più precisamente, la società aveva acquistato nel 1997 una villetta, a uso abitativo, per quale era stata applicata l’aliquota IVA al 19%. Nel 1998, la medesima società procedeva alla rivendita dell’immobile, applicando alla cessione una minore aliquota (il 10%), sicché, nel 2000, veniva presenta domanda di rimborso, in relazione alla differenza di aliquota applicata sull’acquisto e la vendita; istanza disattesa dall’Agenzia delle Entrate, in quanto nella dichiarazione IVA per il ’97, l’importo relativo all’acquisto era stato riportato nel rigo VF 18 (relativo agli acquisti non ammessi a godere della detrazione) invece che nel rigo VF 9 (relativo agli acquisti imponibili al 19%). Né l’Ufficio aveva ritenuto di poter condividere le argomentazioni della contribuente, in base alle quali l’importo dell’eccedenza di imposta – che si assumeva annotata nel rigo VF 8 per un mero errore materiale – potesse essere giustificato da una nota di accredito registrato nel libro IVA acquisti, attesa la mancata produzione di copia di detto documento. Avverso tale diniego di rimborso, non veniva proposto ricorso. In seguito, la contribuente, ai sensi dell’art. 1 d.P.R. 443/97, portava in detrazione il preteso credito nelle dichiarazioni relative agli anni successivi, compreso il 2005, anno per il quale provvedeva a inoltrare un’ulteriore istanza di rimborso, denegato dall’Ufficio. Di qui, l’instaurazione del contenzioso.
L’adita Commissione Tributaria Provinciale di Milano, prima, e la Commissione …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it