La perizia di stima per la rivalutazione delle partecipazioni in società

La Legge di stabilità 2013 (art. 1 c. 473 L 228/2012), in vigore dall’1.1.2013, ha previsto la riapertura dei termini per la rideterminazione delle partecipazioni in società non quotate possedute, al di fuori del regime d’impresa, alla data dell’1.1.2013. La rideterminazione in parola è sottoposta al pagamento di un imposta sostitutiva (2% per le partecipazioni non qualificate, 4% per le partecipazioni qualificate) da applicarsi sul valore risultante dalla perizia asseverata di un professionista abilitato, da redigersi entro e non oltre il 30.6.2013. Sul punto, si precisa che la perizia in parola può comunque essere redatta e giurata anche in un momento successivo alla cessione delle partecipazioni (a meno che le stesse non siano in regime di risparmio amministrato o gestito), purché la perizia stessa e il versamento della sostitutiva avvenga entro e non oltre il predetto termine del 30.06.2013. Per procedere al giuramento della perizia, il suo estensore deve recarsi, entro la predetta data, alternativamente, presso la cancelleria del Tribunale, l’ufficio di un giudice di pace, ovvero da un notaio.
La perizia di stima deve riguardare l’intero patrimonio della società (art. 5 c. 4 L. 28.12.2001 n. 448) alla data del 1° gennaio 2013, anche se poi il contribuente può decidere di rivalutare anche solo una frazione della partecipazione detenuta (Circolare n. 12/E/2002): nulla vieta, infatti, che un soggetto esegua una parziale rivalutazione della partecipazione posseduta. Supponiamo, ad esempio, che il sig. Tizio detenendo il 50% di una quota di Srl abbia convenuto la cessione del 15% del suo pacchetto, mentre per il restante 35% non c’è alcuna previsione di cessione futura. In tal caso, il sig. Tizio avrà convenienza a eseguire una parziale rivalutazione, tenendo presente che si intenderà prioritariamente ceduta proprio la quota rivalutata. In buona sostanza, il sig. Tizio potrà limitarsi a rivalutare quel 15% oggetto di futura cessione (rivalutazione che deve comunque essere tassata al 4%, essendo qualificata la partecipazione detenuta, a nulla rilevando la quantità rivalutata della stessa – Circolare 12/E del 2002).
La perizia in parola deve essere redatta da un soggetto iscritto nell’albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili o nel Registro dei Revisori Legali. Peraltro, tra i soggetti abilitati vi rientrano, anche, i periti regolarmente iscritti alle Camere di Commercio, ai sensi dell’art. 32 del RD 20.9.34 n. 2011. Ad ogni modo, la perizia di stima della partecipazione deve essere conservata dal contribuente ed esibita o trasmessa a richiesta dell’Amministrazione finanziaria, unitamente ai dati identificativi dell’estensore della perizia, al codice fiscale della società periziata e alle ricevute di versamento dell’imposta sostitutiva.
La perizia di stima delle partecipazioni deve esprimere il “valore effettivo” di patrimonio netto, il che significa che i valori contabili delle poste patrimoniali dovranno essere sostituiti da valori correnti. Il fatto che la norma faccia riferimento al valore del “patrimonio netto” fa propendere che nella stima non si possa tenere conto di caratteristiche proprie dei singoli pacchetti partecipativi, quale il riconoscimento di un premio di maggioranza. Sul punto, comunque, si registra anche qualche orientamento contrastante.
L’aspetto che merita un approfondimento riguarda il valore del patrimonio netto che non potrà essere determinato sulla base delle risultanze contabili (Circolare n. 12/E del 31.01.2002): a seconda della tipologia dell’attività svolta dalla società, i metodi di valutazione più idonei potrebbero essere, ad esempio, quello patrimoniale, ovvero quello misto con valorizzazione autonoma dell’avviamento.
La perizia può essere disposta o dalla …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it