Distacco di personale senza Iva se a prezzo di costo

di Alessandro Borgoglio

Pubblicato il 2 ottobre 2012

ecco come deve essere gestita ai fini IVA l'operazione di distacco del personale: in quali casi tale operazione diventa imponibile e quando invece non?

Con la pronuncia in oggetto, i Supremi Giudici hanno nuovamente ribadito, confermando una recente decisione delle Sezioni Unite1, che il distacco di personale non è un’operazione soggetta ad Iva quando il distaccatario rimborsa al distaccante una somma esattamente pari alle retribuzioni ed agli altri oneri previdenziali e contrattuali relativi al personale prestato.

Prima di esaminare l’interessante pronunciamento in oggetto, pare opportuno delinearne brevemente il quadro normativo di riferimento.

Dalle norme UE alle risoluzioni ministeriali

Il riferimento normativo interno della fattispecie in oggetto discende dalla Direttiva 2006/112/CE, che, all’articolo 592, richiama, appunto, il concetto di “messa a disposizione di personale”, poi trasfuso nell’attuale articolo 7-septies, comma 1, del DPR 633/1972.

Ovviamente, anche il prestito o distacco di personale, in base alla regola generale, costituisce astrattamente una prestazioni di servizi da assoggettare ad Iva; tuttavia, tale impostazione è stata ben presto messa in discussione, affermandosi il principio per cui la predetta regola generale non troverebbe applicazione nel caso in cui il distaccatario si limitasse a rimborsare al distaccante il solo costo dei dipendenti.

In tal senso si era ripetutamente pronunciato l’allora Ministero delle Finanze, affermando che le prestazioni di servizi assumono rilevanza ai fini Iva soltanto quando da esse derivi un vantaggio economico. Pertanto, se il prezzo della prestazione, consistente nella messa a disposizione di personale, è pari al solo rimborso del costo di tale personale sostenuto dal suo datore di lavoro, secondo il Fisco, non si verifica alcun vantaggio economico e, quindi, tale operazione non sconta il pagamento del tributo3.

In particolare, con la risoluzione del 5 luglio 1973, numero 502712, il Ministero, in