Bonifico incompleto o errato: conseguenze sulla detrazione del 36%-50%

di Sandro Cerato

Pubblicato il 15 ottobre 2012

quali sono le conseguenze fiscali per il contribuente che esegue in modo incompleto e/o errato il bonifico di un pagamento relativo ad interventi di riqualificazione edilizia agevolati ai fini IRPEF?

L’art. 11 del D.L. 22.6.2012 n. 83, entrato in vigore il 26 giugno 2012, contiene importanti novità in merito all’applicazione delle detrazioni del 36% e del 55% sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. In tale ambito, ricordando che le predette novità non prevedono alcuna novità procedurale per l’ottenimento dell’agevolazione, che rimane subordinata all’effettuazione dei pagamenti tramite bonifico bancario, è necessario tener conto della posizione espressa dall’Agenzia delle Entrate nella R.M. 7.6.2012, n. 55/E.

In seguito all’introduzione, da parte dell’art. 25 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 122/2010), a decorrere dall’1.7.2010, della ritenuta sui pagamenti effettuati con bonifico in relazione