Il caso del contribuente italiano non iscritto al Vies

Con la Risoluzione del 27 aprile 2012 nr. 42/E l’Agenzia delle Entrate chiarisce la qualificazione giuridica delle operazioni effettuate da soggetto passivo stabilito in Italia non regolarmente iscritto nell’archivio informatico VIES, di cui all’art. 27 del D.L. n. 78 del 2010.
 
Si riporta di seguito alcuni passaggi:
“Infatti ai sensi dell’art. 35 del D.P.R N. 633/1972, modificato dall’art. 27, comma 1, del n. 78 del 2010 – convertito dalle n. 122 del medesimo anno – il soggetto passivo d’imposta che intende effettuare operazioni intracomunitarie deve chiedere autorizzazione all’Agenzia delle Entrate, manifestandone la volontà attraverso una procedura specifica finalizzata all’iscrizione nell’archivio informatico (denominato VIES) dei soggetti autorizzati a porre in essere le predette operazioni.
&…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it