Beni in godimento ai soci e parti correlate

La disciplina sui beni in godimento ai soci impatta anche sulla disciplina civilistica delle parti correlate?

Questa è la domanda che, all’approssimarsi del termine per l’approvazione del bilancio di esercizio da parte delle società di capitali, qualcuno incomincia a porsi.

E’ evidente che la disciplina civilistica sulle operazioni con parti correlate, introdotta a partire dai bilanci dell’esercizio 2009, non era stata prevista (specificatamente) per i beni dati in godimento ai soci, però è altrettanto vero che, in talune situazioni, il trattamento dei beni dati in godimento ai soci potrebbe evidenziare una particolare rilevanza sui risultati dell’esercizio e, quindi, rendere obbligatoria l’applicazione di tale specifica disciplina.

Con il presente pezzo, si cercherà di fornire gli elementi per affrontare la questione, analizzando brevemente i punti di contatto fra le due differenti discipline.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it