Corte di Cassazione: ammissibile la compensazione del credito Iva e debiti prefallimentari

di Angelo Facchini

Pubblicato il 19 settembre 2019



La Corte di Cassazione - sentenza n. 14620 del 29 maggio 2019 – ha chiarito che é ammissibile la compensazione del credito Iva chiesto a rimborso dal curatore, a seguito del fallimento di una società e i debiti contratti verso l’erario dalla società stessa in periodi d’imposta antecedenti il fallimento, perché entrambe le voci di debito/credito sono sorte nel momento in cui la società era in bonis.