Le proroghe dei bonus energetici previste dal Decreto aiuti quater

di Devis Nucibella

Pubblicato il 9 dicembre 2022

Il Decreto Aiuti quater ha prorogato il contributo straordinario, sotto forma di credito d'imposta a favore delle imprese, per l'acquisto di energia elettrica e gas naturale, per il mese di dicembre 2022.
Risulta così spettante anche per i mesi di ottobre, novembre e dicembre il credito d'imposta per imprese “energivore” e “non energivore” e per imprese “gasivore” e “non gasivore”, sulle spese sostenute per l'acquisto di energia elettrica e gas naturale consumati a fronte dell'incremento del relativo costo.
Il Decreto ha poi prorogato al 30 giugno 2023 il termine entro il quale utilizzare o cedere i crediti spettanti per il terzo e quarto trimestre 2022.

Le proroghe dei bonus energetici

proroghe bonus energetici aiuti quaterIl legislatore, nell’ambito di una serie di recenti decreti
- D.L. n. 4/2022,
- D.L. n. 17/2022,
- D.L. 21/2022,
- D.L. n. 50/2022 e
- D.L. n. 115/2022, (cd. Decreto Aiuti-bis),
ha introdotto dei crediti d’imposta alle imprese finalizzati a contenere i rincari nel costo dell’energia elettrica e del gas naturale nel primo, nel secondo e nel terzo trimestre 2022.

Da ultimo il legislatore distinguendo sempre tra imprese “energivore”/“non energivore” e tra imprese “gasivore”/“non gasivore”:

  • con il D.L. n. 144/2022 (c.d. Decreto Aiuti-ter), ha esteso l’agevolazione anche alle spese sostenute nei mesi di Ottobre e Novembre 2022, ampliando la platea dei beneficiari da considerare “non energivori”;
     
  • con l’art. 1 del D.L. n. 176/2022 (“Decreto Aiuti-quater) ha prorogato l’aiuto anche al mese di dicembre 2022, a parità di condizioni (requisiti richiesti ed aliquota agevolativa applicabile).

 

Argomenti trattati:

 

***

Credito imposta per il consumo di energia elettrica

Imprese energivore

Le imprese energivore corrispondono a quella che alternativamente (Circolare 13/E/2022):

  • operano nei settori indicati nell’All. 3 alle Linee guida CE alla L. europea 2017 e nell’All. 5 alle citate Linee guida CE e possiede un VAL (indice di intensità elettrica) non inferiore al 20%;
     
  • sono ricomprese negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia redatti, per il 2022) dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA).

A favore di tali imprese “energivore”:

  • il credito d’imposta sui consumi effettivi (riferiti alla sola componente energia elettrica);
     
  • è pari al 40% (in luogo del 25% previsto sul 3° trimestre) della relativa spesa sostenuta nei mesi di Ottobre e Novembre 2022.

Analogamente a quanto previsto in precedenza, l’impresa deve presentare il seguente requisito soggettivo (anche considerando eventuali contratti di fornitura di durata stipulati dall'impresa):

costo per kW/h del 3° trimestre 2022 > costo per kW/h del 3° trimestre 2019

dove il citato costo per kWh va assunto al netto delle imposte e di eventuali sussidi ed è riferito alla sola componente energia elettrica addebitata dal fornitore.

L’art. 1, comma 1 del D.L. 176/2022, estende la predetta agevolazione al mese di dicembre 2022.

L’art. 1, comma 1, DL n. 144/2022, riconosce il beneficio anche alle imprese che hanno prodotto e autoconsumato energia nei mesi di ottobre e novembre 2022, per le quali l’aumento del costo per kWh è calcolato con riferimento alla variazione del prezzo unitario dei combustibili acquistati ed utilizzati dall’impresa per la produzione dell’energia elettrica.

Per tali imprese il credito d’imposta è determinato con riguardo al prezzo convenzionale dell’energia elettrica pari alla media, di ottobre e novembre 2022, del Prezzo Unico Nazion