Il distacco temporaneo di lavoratori

In questo tipo di rapporto giuridico il datore di lavoro (distaccante) distacca temporaneamente un proprio lavoratore presso un soggetto beneficiario per l’esecuzione di un’attività lavorativa.

Vediamo in questo articolo gli elementi cardine della disciplina giuridica, economica e contributiva dell’istituto del distacco.

Indice rapido dell’articolo:

Distacco temporaneo del lavoratore

Distacco temporaneo di lavoratori: definizione

 

Per affrontare questo tema partiamo dalla definizione di distacco resa dall’art.30 del D.Lgs,10/09/2003 n.276 o anche Legge Biagi:

L’ipotesi di distacco si configura quando un datore di lavoro, per soddisfare un proprio interesse legittimo, pone temporaneamente uno o più lavoratori a disposizione di un altro soggetto (non necessariamente imprenditore) per l’esecuzione di un’attività lavorativa. In caso di distacco il datore di lavoro rimane responsabile del trattamento economico e normativo a favore del lavoratore.”

 

In questo tipo di rapporto giuridico abbiamo contemporaneamente il sorgere di un’obbligazione giuridica tra il datore di lavoro ed i lavoratori, identificabile come consueto rapporto di lavoro dipendente regolamentato, con il coinvolgimento di un terzo soggetto, estraneo al rapporto di lavoro subordinato stipulato tra i primi due, che tuttavia diviene il beneficiario della prestazione lavorativa.

 

Caratteristiche del distacco di lavoratori

 

Il datore di lavoro originario viene definito in questa circostanza “distaccante” e, per realizzare un suo interesse produttivo, caratterizzato da precisi requisiti di specificità, concretezza, durevolezza, ma diverso dalla mera somministrazione di lavoro altrui, mette a disposizione di un terzo uno o più lavoratori per una determinata attività lavorativa.

Consideriamo che il distacco ha carattere di temporaneità, quindi non può essere posto a titolo definitivo. 
La durata deve essere infatti finalizzata al conseguimento dell’interesse produttivo del distaccante.

Il rapporto di subordinazione, preesistente tra le parti, prosegue durante tutto il distacco temporaneo, pertanto il datore di lavoro ha il diritto o il potere di distaccare il lavoratore presso il beneficiario della prestazione, ed il lavoratore ha il dovere di eseguire la prestazione lavorativa presso il beneficiario, fatto salvo il caso di distacco con mutamento delle mansioni.

 

Distacco con mutamento delle mansioni

 

Se al distacco dovesse far seguito un mutamento delle mansioni del soggetto distaccato tale da determinare una significativa variazione dei compiti del lavoratore tanto radicale da comportare una rideterminazione delle mansioni lavorative cui al dipendente erano state originariamente attribuite, in tal caso si verifica una delle cause ostative al distacco.

A tal proposito l’Art.30 Legge Biagi prevede la seguente fattispecie:

“Il distacco che comporti un mutamento di mansioni deve avvenire con il consenso del lavoratore interessato.”

 

Consideriamo bene che attraverso l’istituto del distacco il dipendente deve essere adibito all’attività lavorativa specificatamente individuata come determinante al conseguimento dell’interesse del datore di lavoro distaccante, ma non tale da costituire un’eventuale demansionamento o dequalificazione rispetto alla originaria qualificazione del lavoratore.

 

Distacco e trattamento giuridico

 

L’istituto giuridico del distacco temporaneo è prettamente di natura civilistica ed interessa due tipologie di rapporti contemporanei:

  • quello tra soggetto distaccante e beneficiario,
  • e quello tra datore di lavoro distaccante e lavoratore.

Per entrambi è fortemente auspicabile sempre l’utilizzo della forma scritta, al fine di definire in special modo e con certezza gli aspetti economici e gestionali dell’utilizzo della prestazione lavorativa.

 

Elementi dell’atto scritto con cui si avvia il distacco

Nell’atto scritto occorre indicare i seguenti elementi:

 

  • esatta individuazione delle mansioni del lavoratore distaccato, escludendo mere indicazioni generiche prive di connotazioni…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it