Regime forfettario negato ai soci di SRL solo in alcuni casi

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 12 aprile 2019

La normativa vieta l’applicazione del regime agevolato ai contribuenti che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni. In assenza di una delle condizioni, la causa ostativa non opera e il contribuente può applicare (o permanere) nel regime forfetario.
[caption id="attachment_145543" align="alignright" width="259"]Regime forfettario per lavoratori autonomi CONSULTA QUI LA NOSTRA SEZIONE DEDICATA AL REGIME FORFETTARIO[/caption]

La normativa vieta l’applicazione del regime agevolato ai contribuenti che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

Pertanto, affinché operi tale causa ostativa è necessaria la contemporanea presenza dei seguenti elementi:

  • del controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata o di associazioni in partecipazione e
  • dell’esercizio da parte delle stesse di attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

In assenza di una delle predette condizioni, la causa ostativa non opera e il contribuente può applicare o permanere nel regime forfetario.

In relazione al momento in cui la causa ostativa riguard