Lo split payment e i dipendenti in trasferta, spese di albergo e ristorante

Pubblicato il 28 novembre 2017

lo split payment deve essere applicato anche alle spese riferibili ai lavoratori dipendenti in trasferta; vediamo i vari casi di intestazione della fattura

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateL’Agenzia delle entrate ha confermato con la Circolare n. 27/E del 2017 che lo split payment dovrà essere applicato anche allorquando le spese siano riferibili ai lavoratori dipendenti in trasferta. Ciò a condizione che la fattura sia intestata direttamente alla società quotata, ovvero alla Pubblica amministrazione.

La società ha interesse a chiedere al lavoratore dipendente di prestare attenzione all’intestazione della fattura. Infatti, se il documento sarà intestato direttamente alla società datore di lavoro sarà possibile considerare correttamente in detrazione l’imposta sul valore aggiunto.

Il lavoratore dipendente in trasferta agisce nella qualità di commissionario con rappresentanza, spendendo il nome dell’impresa committente. In questo caso la fattura riporta l’intestazione dell’impresa con l’indicazione d