Prestazione d'opera occasionale e libretto di famiglia: i sostituti dei voucher

Nel corso del 2017 abbiamo assistito alla lunga e farraginosa discussione politica sul lavoro occasionale e sulla loro permanenza o abolizione.
Sappiamo che lo strumento del voucher contraddistingueva le prestazioni di lavoro subordinato occasionale e che di questo strumento si era fatto un abuso al punto che uno dei sindacati di maggiore diffusione ed importanza aveva promosso un referendum, costringendo il Governo a correre ai ripari abolendo totalmente lo strumento.
Successivamente all’abolizione dei voucher tuttavia sono sorti dei problemi tecnici non indifferenti, in quanto tutta una serie di prestazioni lavorative che vedevano nel voucher la loro naturale identificazione rimanevano senza adeguato strumento regolamentativo, lasciando il fianco a prestazioni irregolari in vari settori di sostanziale rilievo quali l’agricoltura, le attività ricettive, le attività di lavoro familiare, le organizzazioni di eventi culturali o sportive di massa.
Facciamo un breve excursus su questo tipo di prestazione
Per lavoro occasionale si intende una operazione di cessione di beni o una prestazione lavorativa a carattere intellettuale o manuale, sporadica e quindi priva del requisito di abitualità e professionalità richiesto per i soggetti definibili come professionisti, artigiani, piccoli imprenditori. Pertanto questi soggetti rimangono esclusi dall’obbligo di identificarsi professionalmente con l’attribuzione di un numero di partita iva,
Facciamo un esempio:

una persona fisica decide una volta di partecipare ad un mercatino dove vende un prodotto che ha in casa o ha realizzato. Nessuna volontà si evince di ripetere l’attività più volte e di intraprenderne un’attività lavorativa. In questo caso stiamo parlando di vendita occasionale di beni. Il soggetto in questione acquisterà un libretto di ricevute non fiscali dove andrà a emettere le ricevute per le operazioni di vendita effettuate, con applicazione di una marca da bollo da € 2,00 quando l’operazione riguardi una cessione di beni del valore superiore ad € 77,47.

altro esempio:

un pittore dilettante riceve l’offerta di un acquisto di un suo quadro. Se decide di venderlo egli non acquisisce la qualifica di pittore professionista, eppure con le stesse modalità potrà vendere il quadro richiesto.

Le prestazioni d’opera rientrano nel Titolo III del libro V codice civile all’articolo 2222 infatti si legge: “contratti d’opera, quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un’opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione, nei confronti di un committente, si applicano le norme di questo capo”.
Quindi il prestatore d’opera non è contraddistinto dalla subordinazione verso nessuno, egli pone in essere liberamente la sua attività nei confronti di un committente senza doversi avvalere della struttura altrui per poterla realizzare, cioè senza continuità e coordinazione.
In questo caso di parla di prestazione occasionale di lavoro autonomo. Per questo tipo di attività non è previsto fiscalmente alcun limite reddituale, ed i redditi determinati nell’anno vengono dichiarati secondo il principio di cassa, catalogati tra i redditi diversi (art.67 c 1 lett. i TUIR).
Il reddito imponibile è determinato dalla differenza tra quanto incassato e le spese nel corso del periodo inerenti, documentate. Sul reddito in oggetto si applica una ritenuta d’acconto del 20%.
Poi abbiamo un’altra tipica forma di lavoro autonomo occasionale: la prestazione resa nell’esercizio diretto dell’attività sportiva dilettantistica. Dal punto di vista civilistico non abbiamo una regolamentazione specifica di settore e non abbiamo una definizione contrattualistica tipica di questo rapporto.
Si intende per esercizio diretto di attività sportivo dilettantistica la formazione, la didattica, la preparazione, l’assistenza di attività sportiva dilettantistica, (ancorché queste attività non siano legate a …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it