Versamenti previdenziali dei professionisti: costi inerenti o oneri deducibili

Pubblicato il 7 settembre 2016

con ciclicità ritorna il dubbio sul destino fiscale dei versamenti previdenziali effettuati dai professionisti: tali versamenti sono costi inerenti l'attività o oneri deducibili? Ci sono differenze sostanziali tra i contributi delle varie casse, ad esempio i notai...

dubbiLa “campagna” degli obblighi dichiarativi volge al termine e come ogni anno si pone il problema del trattamento tributario riservato ai contributi previdenziali versati alla Cassa di previdenza dai professionisti (notai, avvocati, dottori commercialisti, etc.).

Ancora oggi sussiste un contrasto tra l’orientamento della giurisprudenza e quello dell’Agenzia delle entrate. Considerata la non univocità dell’orientamento i contribuenti sono disorientati nella migliore scelta da effettuare.

La soluzione sostenuta dall’Amministrazione finanziaria considera i contributi previdenziali versati alla Cassa di previdenza quali oneri deducibili ai sensi dell’art. 10 del TUIR. In tale ipotesi si riduce direttamente il reddito complessivo lordo ai fini dell’IRPEF senza alcun effetto sulla base imponibile dell’IRAP (valore della produzione lorda).

La di