Le irregolarità formali non pregiudicano il diritto alla detrazione dell'IVA, conta la sostanza

Nel corso dell’anno 2015 si è consolidato con maggior vigore un orientamento della Corte di Cassazione che ha riconosciuto il diritto alla detrazione dell’Iva valutando la sussistenza dei requisiti sostanziali, indipendentemente dal rispetto delle condizioni formali. La sentenza della Suprema Corte n. 18925/2015 ha riconosciuto la spettanza del diritto alla detrazione anche se le relative fatture di acquisto non sono state registrate. Nello stesso senso si è espressa la sentenza n. 5400/15 riguardante una fattispecie diversa, ma che nella sostanza afferma il medesimo principio. La controversia riguardava un’irregolarità formale avente ad oggetto la nomina di un rappresentante fiscale di una società olandese.
L’Agenzia delle entrate ha contestato il diritto alla detrazione in quanto il rappresentanze fiscale si è limitato ad ottenere l’attribuzione del numero di partita …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it