Fatture elettroniche: un anno di tempo per comunicare all’Agenzia delle entrate il server che conserva i documenti

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 15 settembre 2015

le fatture elettroniche: vanno conservate a norma, magari affidandosi a conservatori certificati; inoltre si ha un anno di tempo per comunicare all’Agenzia delle entrate il soggetto che conserva le fatture elettroniche

Fatture elettroniche: Un anno di tempo per comunicare all’Agenzia delle entrate il server che conserva i documenti

 

Fatture elettroniche: vanno conservate a norma, magari affidandosi a conservatori certificati. Un anno di tempo per comunicare all’Agenzia delle entrate il soggetto che conserva le fatture elettroniche.

 

E’ quanto si evince da una nota del 14 settembre 2015 pubblicata sul web del Consiglio Nazionale dei Consulenti del lavoro. Ecco di seguito il motivo: L’emissione e l’invio delle fatture elettroniche è ormai obbligatorio verso tutta la PA e di conseguenza occorre che le stesse vengano conservate a norma (Decreto MEF 55/2013). Essendo infatti un documento informatico a tutti gli effetti, la fattura elettronica, deve essere allocata all’interno di un sistema di conservazione realizzato ai sensi di spec