Certificazione Unica: per eventuali invii correttivi ci sarà tempo al massimo fino al 12 marzo

di Mario Agostinelli

Pubblicato il 24 febbraio 2015

attenzione: in caso di errori nella trasmissione della Certificazione Unica 2015, al fine di non incorrere nella sanzione di 100 euro (non ravvedibile), la trasmissione telematica della certificazione corretta dovrà avvenire, relativamente alle somme elargite nel 2014, entro giovedì 12 marzo 2015 ossia entro i 5 giorni successivi alla scadenza ordinaria del 7 marzo 2015

Il dottor Mario Agostinelli ci parlerà di certificazione unica e 730 precompilato nella videoconferenza di giovedì 26 febbraio prossimo venturo

 

Con la circolare 6/E/2015, l’Agenzia delle Entrate ha fornito rilevanti chiarimenti anche con riferimento all’adempimento della trasmissione telematica delle certificazioni uniche 2015.

Come noto, l’articolo 2 del D.Lgs. 175/2014 ha introdotto l’obbligo della trasmissione telematica delle Certificazioni Uniche rilasciate ai sensi del comma 6 ter dell’articolo 4 del DPR 322/1998, trasmissione telematica da effettuare entro il termine del 7 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento.

La disposizioni in argomento prevede che, per ogni certificazione omessa, tardiva o errata si applica la sanzione di 100,00 euro e non opera il cumulo giuridico di cui all’articolo 12 del D.lgs. 472/1997.

Nei casi di errata trasmissione della certificazione,