Il trattamento fiscale delle spese di trasferta, come modificato dal D.Lgs. 175 del 21/11/2014

Il dottor Nicola Forte ci aggiornerà su tutte le novità del Decreto Semplificazioni nella videoconferenza di oggi pomeriggio 10 dicembre…

Le spese di vitto e alloggio anticipate dall’impresa committente per conto del professionista non costituiscono compensi in natura. La previsione è contenuta del Decreto legislativo n. 175 del 21 novembre 2014 recante semplificazioni fiscali ed emanato in attuazione della delega fiscale.
La norma sembra essere applicabile agevolmente, ma in realtà alcuni passaggi non sono molto chiari.
 
A seguito della nuova disposizione il professionista non deve più fatturare le predette spese anticipate dal cliente. Gli oneri non devono essere contabilizzati dal professionista in quanto sostenuti direttamente dal cliente committente che rimane inciso. La soluzione spiega anche le ragioni dell’abrogazione…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it