I tempi di pagamento della pubblica amministrazione

Monitoraggio dei debiti delle amministrazioni pubbliche

L’articolo 27 introduce al comma 1 nuove modalità di monitoraggio dei debiti delle pubbliche amministrazioni, dei relativi pagamenti e dell’eventuale verificarsi di ritardi rispetto ai termini fissati dalla direttiva europea, che fanno perno su un adeguamento delle funzionalità della Piattaforma elettronica per la gestione telematica del rilascio delle certificazioni.

Il primo comma aggiunge al D.L. n. 35/2013 convertito dalla Legge n. 64/2013 (Decreto Pagamenti PA) il nuovo articolo 7-bis, che riconosce, in attesa dell’avvio della fatturazione elettronica, ai titolari di crediti verso le amministrazioni pubbliche la possibilità di comunicare alla suddetta piattaforma elettronica i dati relativi alle fatture o richieste equivalenti di pagamento emesse a partire dal 1° luglio 2014. Allo stesso modo, in caso di inerzia dei fornitori, le amministrazioni pubbliche devono comunicare, sempre tramite la piattaforma elettronica, le informazioni inerenti la ricezione e la rilevazione sui propri sistemi contabili delle fatture emesse a partire dal 1° luglio 2014.

Nell’iter di conversione del Decreto-legge, il Parlamento ha modificato la tempistica prevista per le comunicazioni da parte delle amministrazioni pubbliche relative alle fatture inserite nella piattaforma elettronica, specificando che queste si avvieranno dal prossimo 1 luglio 2014. Per le fatture e le richieste di pagamento equivalenti ricevute nel corso del primo semestre 2014 è prevista una modalità di comunicazione in forma aggregata.

Con riferimento ai debiti comunicati, le amministrazioni pubbliche, contestualmente all’ordinazione di pagamento provvedono ad immettere sulla piattaforma elettronica i dati ad essa riferiti. I commi 6 e 7 del nuovo articolo 7-bis del Decreto Pagamenti PA individuano le specifiche informazioni (natura dei debiti e CIG) da comunicare in funzione delle esigenze di monitoraggio e l’accessibilità o utilizzabilità delle stesse da parte delle pubbliche amministrazioni e dei creditori.

Il database della piattaforma elettronica così integrato permetterà un costante monitoraggio dei debiti della PA, consentendo alle amministrazioni di adempiere al periodico adempimento di comunicazione , mediante un’apposita funzionalità dello stesso portale elettronico per la certificazione dei crediti, ai sensi del comma 4 del nuovo articolo 7-bis inserito nel D.L. 35/2013 dal Decreto Irpef, dell’importo dei debiti per i quali nel mese precedente sia stato superato il termine di decorrenza degli interessi moratori (da effettuarsi entro il giorno 15 di ciascun mese, a partire dal prossimo 15 agosto 2014).

Il mancato rispetto degli obblighi di comunicazione relativi ai debiti delle pubbliche amministrazioni previsti ai commi 4 e 5 è valutato dal successivo comma 8 del nuovo articolo 7-bis come rilevante ai fini della misurazione e della valutazione della performance individuale del dirigente responsabile e, in caso di inadempienza, comporta responsabilità sia dirigenziali e sia disciplinari.

A riguardo si sottolinea che nella sezione Guide del sito della Piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti (PCC) nei confronti delle pubbliche amministrazioni sono stati pubblicati i documenti del Ministero che descrivono le modalità e i formati mediante i quali è possibile adempiere effettivamente agli obblighi di comunicazione illustrati.

Il testo della Guida inerente le Regole tecniche e le modalità di trasmissione per la comunicazione dei dati delle fatture è disponibile all’indirizzo http://certificazionecrediti.mef.gov.it/CertificazioneCredito/documents/Regole_tecniche_per_la_comunicazione_dei_dati_delle_fatture_Modalita_di_trasmissione.pdf

Nei giorni successivi sono stati rilasciati ulteriori guide con le indicazioni per la compilazione dei singoli modelli che in adempimento delle procedure adottate può essere necessario predisporre:

Regole per la compilazione del Modello 001 – FORNITORE –…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it