Il trasferimento a titolo gratuito – donazione – di quote sociali

di Fabio Balestra

Pubblicato il 19 ottobre 2013

la donazione di quote sociali è una delle modalità attraverso cui l’imprenditore realizza il passaggio generazionale dell’impresa a favore dei familiari: analisi degli aspetti fiscali rilevanti di tale particolare operazione

Premessa

La donazione di quote sociali è una delle modalità attraverso cui l’imprenditore realizza il passaggio generazionale dell’impresa a favore dei familiari.

Infatti la circolazione delle partecipazioni societarie consente di attuare il passaggio generazionale dell’impresa gestita indirettamente tramite la partecipazione in una struttura societaria.

Posta l’assenza di corrispettività, la tassazione dei trasferimenti a titolo gratuito delle quote societarie avviene secondo criteri diversi da quelli stabiliti per la tassazione dei trasferimenti a titolo oneroso.

 

Disciplina delle imposte sui redditi

In relazione alle conseguenze fiscali della donazione di partecipazioni societarie nel sistema delle imposte sui redditi, bisogna in primis individuare la qualifica soggettiva di colui che effettua la donazione.

Se, infatti, il donatario è un soggetto imprenditore e le partecipazioni societarie sono detenute nell’esercizio della impresa (e non, invece, nella propria sfera personale), la donazione delle stesse è in grado di integrare una fattispecie realizzativa ai sensi degli articoli 85 e 86 TUIR.

Come previsto dalle predette norme, la “destinazione a finalità estranee” di un bene d’impresa comporta una fattispecie avente autonoma rilevanza reddituale, ovvero che può comportare l’emersione di componenti soggette a tassazione. Unica soluzione di favore può essere data dall’applicazione della PEX nel caso in cui siano presenti le condizioni di cui all’art. 87 TUIR.

Se, dunque, la partecipazione donata era stata iscritta, nel bilancio dell’imprenditore, quale immobilizzazione finanziaria, risultando dunque un bene strumentale, la cessione gratuita potrà comportare l’emersione di plus/minusvalenze (determinate in base alla differenza tra valore di mercato della partecipazione e costo fiscalmente riconosciuto).

Se, invece, la partecipazione era stata iscritta nell’attivo circolante, risultando allora un bene merce, la cessione gratuita determinerà l’emersione di un ricavo pari al valore di mercato della partecipazione medesima.

 

Nota bene

E’ quindi da sottolineare che, mentre il passaggio generazionale attuato attraverso la donazione dell’azienda, trova un regime sicur