Trasformazione di società e studi di settore, rinuncia del credito del socio e patrimonio netto, ristrutturazione immobile e mutamento della destinazione

QUESITO N. 1: rinuncia del credito del socio e patrimonio netto
Viene rilevata da una Srl una perdita che azzera il capitale sociale. Le rinunce da parte dei soci agli anticipi fruttiferi si possono considerare come sopravvenienze attive o altri componenti positivi nell’anno in corso? Se la perdita azzera il capitale sociale, quali sono gli obblighi e le responsabilità dell’amministratore e/o dei soci se erano a conoscenza della situazione?
 
RISPOSTA
Secondo l’articolo 2482-ter del Codice Civile, se avviene una perdita per oltre un terzo del capitale e questo si riduce al di sotto del minimo stabilito dal n. 4 dell’articolo 2463 del Codice Civile (ovvero 10.000 euro), gli amministratori devono senza indugio convocare l’assemblea per deliberare la riduzione del capitale e il contemporaneo aumento dello stesso a una cifra non inferiore al minimo (10.000 euro).
Vi è anche la possibilità di deliberare la trasformazione della società o lo scioglimento della stessa ai sensi dell’articolo 2484 del Codice Civile.
Come indicato dal principio contabile nazionale n. 28 relativo al patrimonio netto, i “versamenti a titolo di finanziamento” sono quelli per i quali la società ha l’obbligo di restituzione. Si tratta di importi che devono trovare collocazione in bilancio tra le passività, alla lettera D), punto 3) “debiti verso soci per finanziamenti”.
Al riguardo, non è rilevante la natura fruttifera o meno di tali debiti, né l’eventualità che i versamenti vengano effettuati da tutti i soci in misura proporzionale alle quote di partecipazione, l’elemento discriminante va individuato esclusivamente nel diritto dei soci alla restituzione delle somme versate.
Ne consegue che per questa tipologia di versamenti il loro eventuale passaggio a capitale necessita della preventiva rinuncia dei soci al diritto alla restituzione, trasformando così il finanziamento in un apporto.
Ha così natura di riserva di capitale quella che viene ad essere costituita con la rinuncia al credito vantato dai soci, sia per partecipare alla copertura della perdita sia per futuri aumenti di capitale.
La rinuncia a un credito da parte del socio non transita nel conto economico, ma il relativo debito della società viene riclassificato tra le voci del patrimonio netto, determinando in tal modo una maggiore capienza del patrimonio netto, che di conseguenza potrà contenere maggior perdite ai sensi dell’articolo 2482 e seguenti del Codice Civile.
 
QUESITO N. 2: Promotore Finanziario: deducibilità dei costi dell’auto
Un promotore finanziario utilizza quasi quotidianamente l’auto acquistata a titolo privato e non registrata come costo ammortizzabile.
I relativi costi di gestione sono stati contabilizzati anno per anno nella percentuale consentita. È corretto tale comportamento? Il valore della vettura va segnalato negli studi di settore?
 
RISPOSTA
I costi sostenuti, con esclusione delle quote di ammortamento dell’autovettura (perché non è stata immessa nel regime d’impresa), sono deducibili secondo le percentuali stabilite dall’articolo 164 del Tuir (80% nel caso specifico).
Per quanto concerne, invece, la gestione dell’auto, nella stessa sono ricompresi alcuni costi connessi all’utilizzo dell’autovettura quali, a titolo di esempio, quelli per carburanti e lubrificanti, manutenzione e riparazione, assicurazione RC, tassa di possesso, pedaggi autostradali.
Dato per presupposto il carattere di inerenza delle spese di gestione, l’articolo 164 del TUIR fissa nell’80% (per la categoria dei promotori) il limite per la loro deducibilità. Occorre inoltre che tali spese siano documentate.
L’autovettura nella fattispecie considerata non deve essere indicata nel valore degli beni strumentali…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it