Ritenute non certificate: scomputo in dichiarazione non più a rischio; ecco la prassi da seguire

1. Premessa
Lo scomputo di ritenute subite da un lavoratore autonomo, può rappresentare un problema, specialmente quando il sostituto non ha prodotto la certificazione relativa. Nell’analisi seguente si intende fornire agli operatori un quadro di riferimento per orientarsi, in sede dichiarativa, proponendo soluzioni ed esempi.
 
2. Riferimenti normativi
In questa sede ci occuperemo unicamente della problematica relativa ai lavoratori autonomi, trascurando gli agenti e rappresentanti : sono infatti i primi che, avendo una schiera più o meno numerosa di clienti, talvolta occasionali, vedono reiterarsi annualmente il problema.
L’articolo 25 del d.p.r. n. 600/73 impone di operare una ritenuta a titolo di acconto alle imprese ed ai lavoratori autonomi che erogano compensi di lavoro autonomo (anche occasionale): “I soggetti indicati nel primo comma dell’articolo …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it