La responsabilità fiscale nell’ambito dei contratti d’appalto

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 14 marzo 2013

un riassunto dei recenti chiarimenti sulla responsabilità fiscale solidale nei contratti di appalto: attenzione, le regole si applicano a tutti gli appalti, non solo al settore edile

L’art. 13-ter, D.L. n. 83/2012 (in vigore dal 12 agosto 20129 ha modificato la disciplina in materia di responsabilità fiscale nell’ambito dei contratti d’appalto e subappalto di opere e servizi, prevedendo la responsabilità dell’appaltatore e del committente per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’IVA, dovuta dal subappaltatore e dall’appaltatore, in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del contratto: tale responsabilità è comunque esclusa se l'appaltatore/committente acquisisce la documentazione attestante che i predetti versamenti fiscali, scaduti alla data del pagamento del corrispettivo, sono stati correttamente eseguiti dal subappaltatore/appaltatore.

Nonostante alcuni chiarimenti di prassi pubblicati nel recente passato (circolare n. 40/E dell'8 ottobre 2012), i problemi da risolvere rimanevano ancora molti: su tutti, l’Amministrazione Finanziaria avrebbe dovuto meglio delineare il corretto ambito oggettivo di applicazione, ovvero a quali r