La Cassazione definisce quando vi è incertezza normativa

Con sentenza n. 8825 dell’1 giugno 2012 (ud 17 aprile 2012) la Corte di Cassazione, in forza anche di precedenti interventi giurisprudenziali (cfr. Corte Cass. 28.11.2007 n. 24670; Cass. 21 marzo 2008, n. 7765; cass. 11.9.2009 n. 19638), ha definito l’ambito di applicazione dell’art. 8 del D.Lgs. n. 546/92, fornendo, altresì, una vera e proprio casistica sull’obiettiva condizione di incertezza normativa, disciplinata dall’art. 8, del D.Lgs. n. 546/1992, secondo cui, in tali ipotesi, la Commissione Tributaria dichiara non applicabili le sanzioni non penali previste dalle leggi tributarie.
 
Il quadro generale delineato dalla Suprema Corte
Per incertezza normativa oggettiva tributaria “deve intendersi la situazione giuridica oggettiva, che si crea nella normazione per effetto dell’azione di tutti i formanti del diritto, tra cui in primo luogo, ma non …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it