Beni in uso ai familiari dell'imprenditore e ai soci: i dubbi ancora da sciogliere

L’articolo 2 commi da 36-terdecies a 36-duodevicies il Dl 138/2011 ha introdotto una serie di disposizioni aventi una doppia finalità di cui l’una quella di assoggettare a tassazione, sulla base del valore normale, il godimento dei beni relativi all’impresa da parte dei partecipanti alla stessa o familiari di essi, l’altra quella di fare emergere le intestazioni fittizie di beni dell’impresa che sono in concreto nella disponibilità dei partecipanti o familiari di questi.

Con la circolare 24/E del 15 giugno 2012, l’Agenzia delle Entrate, fornisce i primi chiarimenti delle norme di cui sopra ed in particolare di quelle finalizzate a disciplinare il godimento dei beni dell’impresa da parte dei soci della società e da parte dei familiari dell’imprenditore e dei soci delle società.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it