La durata degli amministratori di una cooperativa

di Roberto Mazzanti

Pubblicato il 9 marzo 2012



cosa accade se una società cooperativa ha previsto nello statuto sociale un massimo di 3 mandati per gli amministratori e vuole nominarli per un quarto mandato?

Pongo il seguente problema:

una cooperativa agricola (cantina sociale) nel 2004 in occasione dell'adeguamento degli statuti al nuovo diritto societario aveva inserito nel proprio statuto la rieleggibilità degli amministratori in carica per non più di tre esercizii consecutivi.

Ora si pone il problema se in quei tre esercizi si conti anche quello in corso alla data della modifica dello statuto; mi spiego meglio: gli amministratori erano stati eletti nel 2003 e quindi il loro mandato veniva a scadenza nel 2006. Ebbene chiedo se quel mandato (2003-2006) debba rientrare nel conteggio dei tre mandati consecutivi oppure se a partire dalla successiva rielezione (avvenuta nel 2006) si inizino a contare i tre mandati. Nulla prevedendo tra le norme transitorie lo statuto della società.

Qualora senza effettuare modifiche allo statuto, venisse rieletto di nuovo lo stesso C. di A. nel 2012 per un ulteriore triennio, ammesso che non poteva essere rieletto, a quali conseguenze si andrebbe incontro??

Scarica il documento