L’integrazione di fatture da non residenti a breve sarà obbligatoria

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 29 febbraio 2012

dal 17 marzo il committente italiano che riceve da un soggetto U.E. una prestazione “generica”, sarà obbligato ad integrare la fattura ricevuta e non dovrà più emettere autofattura

Tra pochi giorni (in particolare, dal prossimo 17 marzo), il committente italiano che riceve da un soggetto UE una prestazione “generica”, sarà obbligato ad integrare la fattura ricevuta, non dovrà, quindi, più emettere l’autofattura.

Le nuove disposizioni introdotte dalla Legge comunitaria 2010 (Legge n. 217 del 15.12.2011), entreranno in vigore tra poco tempo, in particolare dal 17.03.2012.

Occorre, pertanto, cominciare a tenerne conto, in tal senso si inserisce la circolare n. 33 del 15.02.2012, emessa dalla Lega italiana Calcio professionistico, per informare i sodalizi sportivi, le società e così via, ma che, invero, interessa tutti i contribuenti.

Momento impositivo delle prestazioni di servizi con soggetti non residenti: Integrazione fattura

Come premesso, la citata Legge n. 217/2011 (Legge Comunitaria 2010) ha introdotto nuove disposizioni ai fini IVA concernenti, tra l’altro:

- Una