Per debiti Iva superiori a 5000 euro possibile Crisi d’impresa

di Angelo Facchini

Pubblicato il 8 luglio 2022

L’articolo 30 sexies del Dl n. 152/2021 dispone che, a far data dalle comunicazioni periodiche Iva relative al primo trimestre 2022, in caso di omessi versamenti dell’imposta superiori a 5.000 euro, l’Agenzia delle Entrate debba inviare una comunicazione al contribuente e all’organo di controllo, di tale omissione invitandolo ad adempiere oppure a valutare l’ipotesi di aprire una crisi di impresa.