Crisi pandemica: rischio usura per le imprese

di Angelo Facchini

Pubblicato il 27 settembre 2021



La Cgia di Mestre lancia un allarme di rischio usura per le imprese colpite da Covid. Sono 176 mila le imprese italiane a rischio, molte sono al Sud. Sono le aziende in sofferenza, segnalate come insolventi dagli intermediari finanziari alla centrale dei rischi della Banca d'Italia, che quindi non possono accedere ad alcun prestito erogato dal canale finanziario legale. Per cercare di contrastare il fenomeno, secondo gli analisti, le istituzioni dovrebbero potenziare il Fondo di prevenzione dell'usura, introdotto con la legge n. 108/1996, operativo dal 1998.