Corte di Cassazione: il rito premiale in caso di infedele e omessa dichiarazione

di Angelo Facchini

Pubblicato il 25 novembre 2019

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 47287, depositata il 21 novembre 2019, ha sancito che l’accesso al rito premiale, in caso di infedele e omessa dichiarazione, è vincolato all’effettivo e completo versamento dell’imposta evasa prima dell’apertura del dibattimento. L’anticipazione del pagamento prima di tale evenienza costituisce causa di non punibilità