Permessi Legge 104: pieni per i part-time, se superano il 50%

di Antonella Madia

Pubblicato il 30 marzo 2021



Con le recenti opinioni Giurisprudenziali si è chiarito che il permesso per Legge 104 spetta al lavoratore a tempo parziale senza alcuna decurtazione o riproporzionamento, se la percentuale di part-time supera il 50%. Conseguentemente, anche l’Istituto Previdenziale è tornato sul tema per fornire istruzioni di dettaglio e chiarimenti su tale argomento.

Permessi Legge 104: premessa

permessi legge 104I permessi ex Legge 104, ai sensi della più recente Giurisprudenza, devono essere parametrati alla percentuale di part-time, ma ciò non toglie che deve comunque applicarsi il permesso per la sua interezza se la percentuale del tempo parziale verticale supera il 50% del tempo pieno previsto dal CCNL applicato.

Le precedenti indicazioni fornite da parte dell'INPS in materia di permessi 104 erano contenute nel Messaggio n. 3114 del 7 agosto 2018; tali indicazioni però devono essere riviste alla luce di quanto statuito dalla Suprema Corte di Cassazione, la quale ha stabilito che la durata dei permessi ex L. n. 104/1992 non deve subire decurtazioni in ragione del ridotto orario di lavoro se la percentuale di part-time verticale supera il 50% dell’orario previsto per il tempo pieno.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...Smart working e permessi Legge 104: analisi pratica ed approfondimento della gestione p