Brexit 2021: le prestazioni di servizi generiche ai fini IVA

di Nicola Forte

Pubblicato il 15 gennaio 2021

Dal 1° gennaio 2021 Il Regno Unito deve considerarsi, a seguito della Brexit, uno Stato extracomunitario, il che determinerà inevitabilmente delle conseguenze per ciò che attiene allo scambio di beni e servizi da e verso il Regno Unito. Gli effetti riguarderanno, sotto il profilo fiscale, l’IVA, sia per ciò che attiene agli adempimenti, sia con riferimento alle modalità di assolvimento del tributo. Nel presente contributo esaminiamo esclusivamente le novità per ciò che attiene alle prestazioni di servizi e l’adempimento della fatturazione.

brexit iva

Prima di scendere in dettaglio occorre preliminarmente ricordare che, con la Brexit, alle prestazioni di servizi rese e ricevute tra operatori comunitari e del regno Unito, non è applicabile la disciplina transitoria riguardante l’accordo di recesso sottoscritto con l’Unione europea.

 

NdR: Ti segnaliamo sulla Brexit anche i seguenti articoli...

Brexit: effetti Iva

Brexit e operatori nel Regno Unito, identificazione diretta o nomina di un rappresentante fiscale

 

Brexit 2021: la data spartiacque del 1° gennaio 2021

Le prestazioni di servizi, effettuate dal 1° gennaio 2021, non rientrano nella disciplina Iva intracomunitaria.

I diffe