Dichiarazione IVA 2018: da quest’anno è più facile la compilazione del rigo VL30

In questo periodo stanno arrivando in redazione numerosi quesiti relativi al problema della compilazione del quadro VL della dichiarazione Iva.
In particolare, il quesito più ricorrente riguarda i dati da indicare nel rigo VL30, nella colonna “Iva periodica versata”, nei casi in cui il contribuente non abbia adempiuto a taluni versamenti (Iva periodica o acconto Iva).

Riteniamo dunque di far cosa gradita ai nostri lettori, facendo il punto della situazione.
Premettiamo che nel (la sezione 3 del) quadro VL, quest’anno, è stato soppresso il rigo VL29 del vecchio modello “Ammontare versamenti periodici, da ravvedimento, interessi trimestrali, acconto”, nel quale andavano riportati il totale dei versamenti periodici (compresi l’acconto IVA e gli interessi trimestrali) e l’imposta versata a seguito di ravvedimento operoso.

Tale informazione è stata traslata in altro rigo, ma con delle semplificazioni sostanziali.
Tale rigo è il VL 30, che da quest’anno è composto da tre campi, come qui si vede dalla sua riproduzione fotografica.

Per altri articoli in tema di Dichiarazione IVA 2018 clicca qui : le novità arrivate nel 2017 stanno seminando dubbi sulla gestione della Dichiarazione IVA in caso di omessi versamenti durante l’anno

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE NEL PDF QUI SOTTO==>

Danilo Sciuto

15 marzo 2018

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it