Interpello sui nuovi investimenti e adempimento collaborativo

Il c.d. decreto internazionalizzazione (art. 2, D.Lgs. 14.9.2015, n. 147) ha introdotto una particolare tipologia di interpello, finalizzata a dare certezza alle imprese, italiane o estere, che intendono effettuare rilevanti investimenti in Italia, in relazione ai profili fiscali del piano di investimenti e delle operazioni societarie pianificate per metterlo in atto.
L’investitore deve presentare a tal fine di un piano di investimento nel quale devono essere decritti l’ammontare dell’investimento, i tempi e le modalità di realizzazione dello stesso, l’incremento occupazionale e i riflessi, anche in termini quantitativi, che l’investimento ha sul sistema fiscale italiano.
La risposta motivata all’interpello può riguardare ogni profilo di fiscalità di competenza dell’Agenzia delle Entrate, legato al suddetto piano di investimento e al conseguente svolgimento dell’attività …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it