Certificazione Unica: i tempi supplementari

L’agenzia delle Entrate conferma le anticipazioni formulate da “Il commercialista Telematico”.

Il sostituto, anche con riferimento alla categoria reddituale di lavoro dipendente può trasmettere le CU relative a più percipienti con flussi separati.

In particolare, l’ufficio ha confermato la possibilità di inviare flussi separati anche per la stessa categoria di reddito, ad esempio in caso in cui il sostituto gestisce le medesime tipologie reddituali con applicativi diversi ed a volte per il tramite di distinti professionisti. Le modalità stabilite per la comunicazione delle certificazioni uniche non precludono infatti la possibilità di effettuare più invii separati, avendo incentrato la trasmissione dei dati e gli eventuali scarti sulle singole certificazioni e non sull’intero flusso.

Ciò che deve essere evitato, afferma l’ufficio confermando quanto indicato nelle istruzioni al modello CU 2015, è invece la frammentazione in più certificazioni del reddito di lavoro dipendente o assimilato afferente al medesimo percipiente.

In sostanza è definitivamente confermato che:

  1. con riferimento alle CU riconducibili alle categorie reddituali dei lavoratori dipendenti, equiparati ed assimilati, il contribuente sostituto di imposta può trasmettere le stesse mediante un unico invio o mediante più invii aventi ad oggetto le singole CU;

  2. con riferimento al medesimo percipiente è possibile inviare due CU, una relativa al reddito di lavoro autonomo una relativa al reddito di lavoro dipendente;

  3. con riferimento al medesimo percipiente NON è possibile inviare due CU separate attestanti i dati fiscali e contributivi di reddito di lavoro autonomo.

L’informativa potrà essere ancora utile se letta incrociando le ulteriori precisazioni fornite in merito alle casistiche di rinvio per le ipotesi di file o certificazioni scartate.

A tal fine di seguito si riproducono le ulteriori precisazioni dell’AE.

Modalità di trasmissione delle certificazioni in caso di scarto

D: ho inviato 40 certificazioni ma nella ricevuta di presentazione ne risultano scartate 2. Devo inviare nuovamente tutte le 40 certificazioni?

R: devono essere inviate con un nuovo flusso le sole certificazioni scartate per le quali il sistema non ha rilasciato alcun protocollo telematico di presentazione.

Integrazione o correzione di certificazioni precedentemente inviate

D: come posso integrare o eliminare una certificazione inviata in precedenza?

R: non è possibile integrare o eliminare direttamente i dati di una certificazione già validamente presentata. Qualora si intenda effettuare una modifica è quindi necessario procedere alla sostituzione o all’annullamento di una certificazione già trasmessa ed accolta, con la predisposizione di una nuova fornitura riservata esclusivamente alle sole certificazioni da annullare o sostituire.

In caso di semplice annullamento l’utente dovrà:

  • barrare la casella Annullamento posta nel frontespizio

  • compilare una nuova certificazione riportando solo la parte relativa ai dati anagrafici del contribuente

  • impostare con il valore “A” il campo 9 della parte fissa del record D della C.U. che si intende annullare

  • riportare nei campi 6 e 7 della parte fissa del record D il protocollo telematico attribuito dai Servizi telematici alla singola CU che si intende annullare

  • i record G e H non devono essere riportati.

A seguito dell’annullamento l’utente potrà inviare nuovamente entro i termini la certificazione corretta o integrata nel suo contenuto.

In caso di sostituzione di una certificazione precedentemente inviata l’utente dovrà:

  • barrare la casella Sostituzione posta nel frontespizio

  • compilare una nuova certificazione comprensiva delle modifiche dei dati fiscali

  • impostare con il valore “S” il campo 9 della parte fissa del record D della C.U. che si intende sostituire

  • riportare nei campi 6 e 7 della parte fissa del record D il protocollo telematico attribuito dai Servizi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it