Discounted cash flow: i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

di Angelo Fiori

Pubblicato il 22 novembre 2014

Uno dei maggiori problemi per valutare un'azienda col metodo del cd. 'discounted cash flow' è quello di stimare correttamente i flussi di cassa attesi. Ecco alcune prospettive sulla stima corretta.

Premessa – Il metodo DCF (Discounted cash flow

il metodo discounted cash flowCome noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi M&A, come metodo principe utilizzato per le valutazioni d’azienda.

Esso fa parte dei cd metodi assoluti e viene spesso abbinato ad una seconda valutazione effettuata con un metodo basato sui cd. multipli.

Il metodo Discounted cash flow si basa molto frequentemente sulla valutazione dei flussi di cassa prospettici in un’ottica “asset side”.

Ciò significa che si calcola in valore dell’azienda (EV Enterprise Value) in funzione dello svolgimento della sua attività operativa.

Il valore dell’Equity si ottiene sottraendo dal valore dell’azienda il valore attuale del debito finanziario netto (cd leva finanziaria).

 

Enterprise Value Formula

La formula per il calcolo dell’Enterprise Value (EV) è la seguente:

formula enterprise value

- EV = valore dell’attivo industriale della società (Enterprise Value)

- FCFt = flusso di cassa disponibile per azionisti e finanziatori (free cash flow)

- i = tasso di attualizzazione dei flussi di cassa

- T= numero di anni di forecast esplicito