Professionista e lavoratore dipendente: il rebus dell’applicabilità dello studio di settore

E’ ormai oggetto di particolare attenzione, da parte della giurisprudenza di legittimità, la questione dell’applicazione dello studio di settore nei confronti di soggetti che, oltre a svolgere la libera professione, sono anche lavoratori dipendenti. La Corte di Cassazione, con la sentenza n.25893, del 20 novembre 2013, ha affermato che è da dichiararsi legittimo l’accertamento basato sugli studi di settore anche se il professionista lavora mezza giornata presso una pubblica amministrazione; la novità della sentenza è, tuttavia, quanto affermato dai giudici del merito, e confermato dalla Cassazione, che ritengono legittima l’applicazione dello studio di settore, al caso in esame, anche per via delle grandi dimensioni che lo studio professionale aveva e, nel quale, il professionista lavorava come architetto…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it